Seleziona una pagina

Mi chiamo Antonella, ho 48 anni e sono sposata con Marco Mastronardi da 27, ci siamo conosciuti nel 1988, io ero un’apprendista parrucchiera e lui dipendente di una società che distribuiva in quell’epoca una lacca che segnò la differenza …la prima lacca ecologica! Era veramente una rivoluzione nel settore e questa ditta era gestita da persone con il cuore…(non a caso dopo tanti anni Marco ha deciso di chiamare la sua società con lo stesso nome, in onore di questa) nel tempo ne abbiamo viste tante, ma veramente tante ed insieme siamo cresciuti sia a livello professionale che nella famiglia.
Abbiamo sempre avuto ideali e ci siamo battuti per questi, sfidando piccoli e grandi imprenditori e affiancando sempre e comunque chi la pensasse e vivesse come noi, chi nel lavoro ci mette il cuore e la faccia…non solo i soldi.

Meg nasce come una fenice….la sua splendida luce illumina i volti di tutte le persone che varcano la porta d’ingresso, nasce dall’amore per il lavoro e in nome di questo porta le iniziale di quello che amore più sincero non può esistere , il nome dei nostri tre figli.
Meg la immagino come donna di questi tempi, una donna sempre di corsa, in bilico tra gli orari di lavoro e quelli della conduzione familiare, la immagino fashion, attenta ai dettagli, con una borsa griffata con dentro gli antiscivolo dei figli, un pacchetto di fazzoletti, qualche gioco, le impegnative per la visita di controllo dei bambini, le tabelle di crescita con i percentili da controllare bene a casa perché incomprensibili, le molliche di una merendina avanzata e il rossetto h24 vicino al mascara waterproff! indossa un paio di skinny comprati in una catena low coast e scarpe tacco 12, ma nel portabagagli ha un paio di converse sdrucite .
Meg è bella, ma di una bellezza non oggettiva, è curata, è sfrontata, esigente, con il taglio di capelli perfetto e la piega stropicciata dal vento, Meg è sempre in ritardo, con la macchina in rosso fisso, ha il sorriso sincero, Meg sorride ai bambini e agli anziani, ma si indigna profondamente di fronte ai soprusi e non sta zitta mai, anzi, scuote spesso il ciuffo ribelle e il riccio scomposto. Meg si emoziona con un film romantico, si fa in 4 per soddisfare tutti, dal datore di lavoro all’amica in crisi, ma non rinuncia a dedicare due ore alla cura del proprio corpo, perché sa che esso è un dono e come tale va rispettato…lei sa che chi sta bene con se stesso….sta bene con tutti…